Santolivo, inseparabile amico in cucina e a tavola. Il sapore dell'olio extra vergine di oliva è insostituibile in tante famose ricette della cucina italiana, una cucina sana, tradizionalmente povera di materie prime di origine animale, nata all'insegna della semplicità e della creatività contadina. Ecco alcune facili ricette da fare in casa, con un ingrediente in comune: l'olio extra vergine di oliva. Quello buono, Santolivo ovviamente.

 

 

Pane & olio

Prendete una fetta di pane fresco oppure di pane abbrustolito ancora caldo e croccante, strofinatela con uno spicchio d'aglio e conditela con un filo d'olio extra vergine di oliva, sale e pepe a piacere... Questo è probabilmente il miglior modo per esaltare tutto il sapore di Santolivo.

 

Pinzimonio

Tagliate le verdure fresche in sottili strisce e immergetene la punta in un po' d'olio extra vergine di oliva e di sale prima di sgranocchiarle. Se le verdure sono variegate (sedano, peperoni di vari colori, ravanelli, cavolfiore, finocchio, carote, ecc.), questo piatto non sarà solo delizioso ma anche bello da vedere.

 

Salsa verde

Con la mezzaluna o nel robot, sminuzzate finemente 100 grammi di prezzemolo privato dei gambi, 3 filetti diliscati di acciughe, 2 spicchi d'aglio se l'aglio vi piace, un cucchiaio di capperi, 50 grammi di mollica di pane bagnata in aceto e poi strizzata, due tuorli d'uovo sodi, un pizzico di zucchero, sale e pepe a piacere. Se le acciughe e i capperi sono sotto sale, lavateli prima di utilizzarli. Mettete l'impasto in una ciotola e amalgamate lentamente con olio extra vergine di oliva, quanto basta per ottenere una salsa morbida ma abbastanza liquida. Servite con pesce lesso o bollito di carne.

 

Minestrone

Tagliate a pezzettini tante verdure diverse di stagione, dalla bietola alla zucca, con patate e fagioli (messi in acqua dal giorno prima). Mettete il tutto in pentola a pressione, coprite d'acqua, salate e lasciate cuocere a fuoco medio per 20 minuti dal momento in cui la pentola fischia. A cottura ultimata frullate con il frullatore a immersione oppure, se preferite, lasciate il minestrone così com'è. Aggiungete pastina (cotta a parte nel brodo) e servite ben caldo con parmigiano reggiano, una spruzzata di prezzemolo e un filo d'olio extra vergine di oliva. Non aggiungete pepe, il minestrone esalta il gusto piccante di Santolivo.

 

Crostini di mozzarella

Tagliate a fette una bella mozzarella. In una teglia ben oliata, disponete delle fette di pane (quello del giorno prima) e ricopritele con la mozzarella. Condite con olio extra vergine di oliva, un pizzico di sale e origano a piacere. Cuocete in forno a temperatura sostenuta (200° circa) fino a quando i crostini saranno dorati e croccanti. Servite molto caldo. Come con tanti piatti tradizionali della cucina italiana, sentitvi liberi di improvvisare, aggiungendo altri ingredienti: prosciutto, capperi, acciughe, funghi oppure pomodori, per esempio.

 

Carni, spiedini e verdure alla griglia

Un consiglio a tutti gli amanti del barbecue e della cucina alla brace e alla piastra: provate a sostituire burro e salse varie con un semplice filo di olio extra vergine di oliva, sale e pepe a piacere sulle carni, i pesci e le verdure. Il sapore dell'olio e della grigliata si mescoleranno, esaltandosi reciprocamente.

 

Castagnaccio

Stando attenti a evitare grumi, preparate un impasto con 3 etti di farina di castagna setacciata, 3 bicchieri d'acqua, 3 cucchiai di olio extra vergine di oliva, 3 cucchiai di uva passa ammorbidita in acqua tiepida, 2 cucchiai di pinoli e un pizzico di sale. Una variante prevede anche una manciata di noci tritate grossolanamente. Versare l'impasto in una teglia da pizza con i bordi bassi, ben oleata. Guarnire con un altro po' di uva passa, pinoli, aghi di rosmarino fresco e un filo di olio extra vergine di oliva. Fate cuocere al forno in temperatura media (180° circa) per circa 45 minuti fino a quando si sarà formata una bella crosta tutta crepata sulla superficie. Questa deliziosa leccornia toscana - un po' dolce e un po' salata - va servita tiepida, come antipasto insieme a un tagliere di affettati misti, oppure a fine pasto con un bicchierino di Vinsanto.

 

Bruschetta al pomodoro

Sopra una fetta di pane abbrustolito ancora calda e croccante, strofinata con uno spicchio d'aglio, cospargete pezzettini di pomodoro (precedentemente marinati in olio extra vergine di oliva e sale con un battuto di prezzemolo e basilico, più peperoni a piacere). Per sentire meno l'aglio, potete lasciare gli spicchi marinare con il pomodoro invece di strofinarli sul pane. Ricordatevi però di togliere l'aglio prima di servire!

 

Insalata aromatica

Mischiate due o tre tipi di insalata di stagione con pomodori a pezzi e un battuto assai grossolano di basilico, prezzemolo, erba cipollina e carote in uguale quantità. Aggiungete alcune foglioline di mentuccia. Non abbiate paura di preparare un battuto molto abbondante. Condite con olio extra vergine di oliva, aceto di vino rosso, sale e pepe a piacere. Oppure, se preferite, condite con una vinaigrette preparata con olio extra vergine di oliva.

 

Insalata caprese

Tagliate i pomodori e la mozzarella a fette. Disponete le fette in modo alternato su un piatto. Condite con un filo d'olio extra vergine di oliva e sale a piacere. Decorate con foglie di basilico. E' un piatto ideale nelle calde giornate estive.

 

Spaghetti aglio, olio & peperoncino

Mentre la pasta cuoce in abbondante acqua salata, in una grande padella fate dorare in olio extra vergine di oliva alcuni spicchi di aglio e un peperoncino essiccato, privo di semi e tagliato a pezzi. Togliete gli spicchi di aglio una volta ben dorati, prima che anneriscano. Quando gli spaghetti sono cotti al dente, scolateli molto bene, rovesciateli nella padella e, mescolando di tanto in tanto, fateli insaporire con l'olio e il peperoncino per 1 o 2 minuti. Se volete un gusto più corposo, potete aggiungere pecorino grattugiato e briciole di pane. Guarnite con prezzemolo e servite immediatamente.

 

Pasta al pesto

Mentre la pasta cuoce in abbondante acqua salata, sminuzzate accuratamente nel robot 50 grammi di foglie di basilico con 50 grammi di pinoli e uno o due spicchi d'aglio - se l'aglio vi piace. Mettete il tutto nel piatto da portata e incorporate poco a poco del parmigiano reggiano, del pecorino sardo (50 grammi ognuno) e infine dell'olio extra vergine di oliva quanto basta per ottenere un bel impasto morbido. Mescolate con la pasta al dente e servite caldo con una spruzzata di parmigiano reggiano. Se starete attenti a non fare surriscaldare il basilico durante l'utilizzo del robot (raffreddate il contenitore e sminuzzate con piccoli colpi successivi per non mettere a rischio l'aroma e il bel colore verde), il vostro pesto avrà poco da invidiare a quello tradizionale fatto a mano nel mortaio. E in un solo quarto d'ora, avrete così una pasta al pesto da leccarvi i baffi.

 

Pizza margherita

Tra le mille possibili, ecco una semplice ricetta di casa. Dal fornaio, fatevi dare 350 grammi circa di pasta del pane (sì, proprio quella con la quale si fa il pane). Stendete la pasta in una teglia da pizza ben oleata. Aggiungete nell'ordine: del pomodoro pelato a cubetti (quello in scatola andrà benissimo) con il suo sugo (poco sugo ben steso se volete una pizza croccante), una piccola mozzarella anch'essa a cubettini, una spolverata di origano, un pizzico di sale e un bel filo di olio extra vergine di oliva. Infornate a 200° e lasciate cuocere finché la pizza sarà diventata dorata e croccante. Servite caldo. Se volete variare, improvvisate: prima di mettere in forno, aggiungete a piacere fettine di pomodoro fresco, capperi, acciughe, olive, fettine di uovo sodo, prosciutto crudo oppure pezzetti di carciofini e funghetti sott'olio.

Italiano
Français
English
info@santolivo.it
Santolivo & Twitter
Santolivo & Facebook